Proteggere il fegato

Condividi
Il fegato è l’organo più grande del nostro corpo. Ogni giorno produce circa un litro di bile, una sostanza che è necessaria per la digestione. La bile si concentra nella vescica biliare da dove fuoriesce quando i grassi giungono al duodeno e, quando lo fa nelle giuste proporzioni, evita le famose coliche.
Allo stesso modo, il fegato riceve il sangue che contiene tanto i nutrienti degli alimenti quanto le tossine, e lo purifica prima che questo torni a scorrere liberamente nell’organismo. Inoltre, nel fegato il glucosio che ingeriamo si trasforma in glicogeno (una riserva di energia) e vengono sintetizzati gli aminoacidi che servono a creare le proteine. In sintesi, il fegato è uno degli organi più importanti, dato che ci permette di nutrirci e di liberarci delle tossine; per questo motivo i danni al fegato hanno spesso delle conseguenze gravi.
Tuttavia, quotidianamente influenziamo di continuo il lavoro del fegato, sia quando ingeriamo alcol che quando mangiamo grassi in eccesso o quando ingeriamo dei farmaci particolarmente pesanti per lo stesso.
È buono a questo punto sapere che esistono degli alimenti che agiscono come protettori del fegato come ad esempio gli alimenti colagoghi o coleretici. I colagoghi sono quelli che stimolano lo svuotamento della vescica biliare mentre che i coleretici sono quelli che aumentano la secrezione della bile e la rendono più fluida.
Diamo uno sguardo agli alimenti che agiscono come protettori del fegato:
- Il ravanello: agisce decongestionando e disintossicando il fegato, favorendo nello stesso tempo lo svuotamento del liquido biliare.
- I carciofi: grazie al contenuto di cinarina hanno un potere rigenerante, soprattutto gli steli e le foglie quando usati per fare infusioni (si consiglia di mettere 100 gr di foglie e steli per ogni litro d’acqua e berne tre tazze al giorno.).
- La barbabietola rossa: aumenta il flusso del liquido biliare ed è particolarmente utile per eliminare le tossine dal fegato.
- Il dente di leone: ha proprietà diuretiche e depurative, si consiglia quando si presentano deficienze epatiche. Si raccomanda di preparare un succo con foglie e radici e assumerne tre cucchiai al giorno prima dei pasti.
Altri vegetali sono utili come la cicoria o la melanzana, mentre che gli agrumi provocano uno svuotamento troppo rapido della vescica biliare (avendo un effetto colagogo) e quindi non sono raccomandabili se una persona soffre di calcoli biliari.
Dieta e Salute ~ 08:02

0 commenti:

Posta un commento