Fagioli: straordinari benefici per la salute (1 parte)


Che ne direste se vi dicessero che esiste un alimento naturale, ricco di proteine, versatile che può inoltre contribuire alla vostra salute, aiutandovi a prevenire malattie cardiovascolari, cancro, diabete e aiutandovi inoltre a mantenere il peso forma? Sareste disposti a pagare qualsiasi cifra per questo alimento miracoloso? Probabilmente già lo avete nella vostra dispensa, o altrimenti è disponibile in qualsiasi supermercato ad un prezzo molto, molto basso. Questo alimento magico sono i: fagioli! Un vegetale troppo spesso trascurato.

Il fagiolo è tecnicamente un legume, della stessa categoria che include anche piselli e lenticchie. Un quarto di una tazza (da tè) di questo legume contiene la stessa quantità di proteine di 300 gr. di carne. Una tazza contiene 15 grammi di proteine con l’eccezione dei semi di soia che contengono 29 grammi di proteine per ogni tazza.I fagioli sono apprezzati da ogni cuoco in ogni tipo di cucina, dato che assorbono facilmente il sapore di qualsiasi salsa e possono essere aggiunti a quasi tutti i piatti, cotti o crudi, dato che si inseriscono benissimo in ogni pietanza.

I fagioli stanno ora attraendo l’interesse di tutta la comunità scientifica dedicata all’alimentazione umana, dato che mostrano di offrire una protezione da moltissime malattie ampiamente diffuse. Studi universitari hanno dimostrato che mangiare regolarmente fagioli riduce il rischio di soffrire di diabete, malattie cardiache, cancro e obesità. Infatti, chi mangia regolarmente fagioli pesa in media 3 kg meno rispetto a chi non ne mangia, secondo quanto riporta un articolo apparso recentemente su Real Age.

Secondo uno studio apparso su Archives of Internal Medicine, le persone che consumano legumi regolarmente almeno 4 volte la settimana, riducono del 22% il rischio di soffrire di malattie cardiache rispetto a chi consuma legumi solo una volta la settimana. Una ricerca posteriore ha addirittura elevato al 30% la riduzione del rischio di soffrire di malattie cardiache per chi consuma legumi regolarmente più volte la settimana.

Una nuova serie di studi realizzati dall’Università Statale del Colorado, pubblicati nel Journal of Nutrition, ha dimostrato che consumare fagioli e patate regolarmente aiuta a prevenire il tumore al seno. Un’altro studio riportato da Archives of Internal Medicine, nel quale i ricercatori hanno analizzato i dati raccolti da 90.630 donne che hanno partecipato nel Nurses Health Study II nel 1991, ha dimostrato che le donne in età compresa tra 26 e 46 anni che consumavano regolarmente fagioli o lenticchie almeno due volte alla settimana, correvano un rischio del 24% inferiore di sviluppare un tumore al seno rispetto a quelle che mangiavano legumi solo una volta al mese.

Si conosce da molti anni che l’inositolesafosfato (IP6) contenuto nei fagioli, nei legumi e in alcuni altri vegetali, mostra di avere proprietà anti-cancerogene. Recentemente alcuni scienziati hanno scoperto una sostanza nuova contenuta nei legumi che avrebbe sempre delle proprietà anti-cancerogene: l’inositolpentachifosfato. Nello studio pubblicato in Cancer Research,la nuova sostanza testata sui ratti da laboratorio ha mostrato di essere efficace non solo nell’inibire la crescita dei tumori nei topi, ma il fosfato ha anche mostrato di migliorare l’efficacia dei farmaci citossici sulle cellule tumorali nei polmoni.  La scoperta indica che questo fosfato potrebbe essere utilizzato per sensibilizzare le cellule cancerogene all’azione dei più comuni farmaci usati contro il cancro.

I fagioli hanno anche mostrato di ridurre il rischio di cancro al seno grazie all’azione dei flavonoli, fitonutrienti che si possono trovare in molti alimenti vegetali naturali inclusi i legumi.

Uno studio condotto su 35.000 donne, le quali consumavano legumi almeno 4 volte o più la settimana, mostra che è possibile ridurre di un terzo il rischio di sviluppare un cancro al colon-retto. Uno studio correlato ha dimostrato che persone che precedentemente avevano sofferto di cancro al colon, poterono ridurre del 45% il rischio di una ricaduta aumentando il consumo di fagioli.

Una recente ricerca condotta da parte dell’Istituto Nazionale del Cancro degli USA, ha scoperto che aggiungendo legumi secchi, fagioli e lenticchie, alla dieta riduce drasticamente il rischio di sviluppare i polipi precancerosi nel colon che precedono l’apparizione del cancro. I dati furono raccolti nel Polyp Prevention Trial, e mostrarono che i partecipanti che avevano moltiplicato per 4 la quantità e la frequenza con la quale consumavano fagioli secchi, vedevano ridursi enormemente il rischio di sviluppare i polipi in questione.

Fonte: Natural News

  © Intextos 2009-2014 | Disegno web di F. Ruini | Disclaimer e Privacy

Back to TOP